FMI FEDERAZIONE MOTOCICLISTICA ITALIANA

Delegazione di Forlì Cesena

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

News

TERREMOTO 1

E-mail PDF

SIAMO IN CONTATTO CON IL MOTOCLUB AMATRICE PER ORGANIZZARE IL TRASPORTO DI GENERI DI PRIMA NECESSITA' IN AIUTO ALLE ZONE COLPITE DAL TERREMOTO. IL MOTOCLUB PIACENZA INIZIA FIN DA ORA LA RACCOLTA DI TUTTO CIO' CHE POTRA' ESSERE UTILE ALLO SCOPO. I RESPONSABILI DEL MOTOCLUB AMATRICE CONSIGLIANO PRINCIPALMENTE : COPERTE, GENERI ALIMENTARI A LUNGA CONSERVAZIONE (pasta, sughi, olio, tonno e carne in scatola, latte ecc. ecc.), DETERSIVI, PRODOTTI PER L'IGIENE PERSONALE, ACQUA. COME... FATTO PER L'EMILA, ANCHE IN QUESTA OCCASIONE IL MOTOCLUB PIACENZA SI OCCUPERA' DELLA RACCOLTA E DELLA CONSEGNA CHE SARA' EFFETTUATA PERSONALMENTE DAL PRESIDENTE (Piero Zambelloni) CON I SUOI COLLABORATORI (consiglieri del Motoclub). IL CENTRO DI RACCOLTA E' LA SEDE OPERATIVA DI MONTALE (Via Emilia Parmense 221) IN TEMPI E MODI DA CONCORDARE DIRETTAMENTE CON IL PRESIDENTE AI NUMERI : 3927791478----3389293287.
DATA L'URGENZA DELL'OPERAZIONE, CHI FOSSE INTERESSATO A COLLABORARE E' PREGATO DI METTERSI IN CONTATTO AL PIU' PRESTO !!!
N.B
Accettiamo anche denaro che servirà per l'acquisto di eventuale materiale mancante.(scontrini e/o fatture saranno presentati a richiesta di chiunque)
Il trasporto sarà a totale carico del Motoclub Piacenza "C.Cavaciuti"
FORZA, GENTE, BASTA CHIACCHIERE !!!! DIAMOCI DA FARE !!!!

TERREMOTO 2016

E-mail PDF

FMI e Corpo Forestale insieme per il terremoto

 

Logo FMI nuovo rid

La FMI risponde subito all’appello della Protezione Civile del Corpo Forestale dello Stato per i soccorsi nelle zone colpite dal terremoto

Il drammatico sisma che ha colpito il Centro Italia sta facendo vivere momenti di grave difficoltà agli abitanti delle zone interessate. Per questo la Federazione Motociclistica Italiana si è mossa immediatamente cercando di portare un contributo concreto.

In virtù della collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato è stata approntata una prima squadra di soccorritori che, proprio grazie alle moto da fuoristrada, potrà essere impiegata per raggiungere zone ancora isolate o difficilmente raggiungibili. Il primo ad essere stato contattato è stato il Moto Club Comunanza di Comunanza (Ascoli Piceno) che si è reso disponibile, radunando, nel giro di un’ora, i primi dieci motociclisti volontari (con Moto e Quad) che saranno a disposizione delle Autorità preposte per l’emergenza.

Dalla Prefettura di Rieti sono stati coinvolti altri Moto Club laziali che hanno fornito piena disponibilità alla Prefettura stessa e restano in attesa di disposizioni per un loro eventuale ed auspicabile impiego.

Il Presidente FMI Paolo Sesti ha dichiarato:” In queste ore drammatiche siamo vicini alle tante famiglie colpite dal sisma. A nome della FMI tutta esprimo il cordoglio per tutte le vittime e un ringraziamento a tutti i soccorritori che in queste ore febbrili continuano eroicamente a cercare sopravvissuti. Vorremmo contribuire in modo concreto e siamo riusciti a mobilitare tanti motociclisti pronti a partire per le zone colpite. Un segnale di solidarietà e di partecipazione del quale vado particolarmente orgoglioso. Restiamo a disposizione della Prefettura e delle Autorità per un eventuale e coordinato impiego sul territorio, ma ringrazio tutti i motociclisti che hanno dato la loro disponibilità ed in particolare Toni Mori che si è prodigato fin da subito nelle operazioni di coordinamento”.

ANNULLATO

E-mail PDF

ferie

E-mail PDF

 

 

 

 

Buone Ferie a chi Parte


Buon Lavoro a chi rimane

AUTOSTRADA

E-mail PDF

FMI                            

FMI ed ANCMA dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti

Per esporre il problema dei pedaggi autostradali per moto

moto strada

 

La Federazione Motociclistica Italiana e Confindustria ANCMA hanno incontrato ieri il presidente dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART), Andrea Camanzi, nella sede di Torino, per esporre il problema dei pedaggi autostradali per le moto.

L’Italia è infatti uno dei pochissimi paesi in Europa dove il pedaggio motociclistico (peraltro con tariffazione molto alta) è equiparato a quello delle auto, con il risultato che qualunque moto paga la stessa cifra di un SUV ben più grande in dimensioni e potenza. Nei paesi europei dove le autostrade sono a pagamento, le tariffe praticate ai motociclisti sono – con poche eccezioni – più basse, in molti casi dimezzate rispetto ai pedaggi nostrani.

La richiesta che FMI e Confindustria ANCMA hanno formulato all’Autorità dei Trasporti è stata quella di verificare, attraverso un’interlocuzione con i concessionari autostradali e il Ministero dei Trasporti – che in Italia è il soggetto concedente – se vi siano le condizioni per creare una tariffazione a parte per i veicoli a due ruote a motore, che sono di gran lunga meno invasivi dal punto di vista degli spazi occupati e dell’inquinamento e che svolgono in generale un ruolo importante nella riduzione del traffico.

Il presidente dell’Autorità dei Trasporti, ascoltate le argomentazioni esposte da ANCMA ed FMI, si è reso disponibile ad un approfondimento della questione, attraverso i procedimenti previsti da ART.

“Le autostrade sono di gran lunga le strade più sicure per noi motociclisti. Una tariffa differenziata ne favorirebbe l’utilizzo, dando così un contributo alla sicurezza per le due ruote a motore. In fondo, quello che chiediamo è di essere equiparati al resto dell’Europa”, ha dichiarato il presidente della FMI Paolo Sesti. “Siamo convinti che la creazione di una tariffa dedicata alle due ruote, favorirebbe la circolazione delle moto sulle autostrade, con vantaggi che si rifletterebbero tanto sull’industria motociclistica nazionale, che rimane la più importante d’Europa, quanto sugli stessi concessionari autostradali, che vedrebbero compensata automaticamente la rimodulazione dei pedaggi”, dichiara Corrado Capelli, presidente di Confindustria ANCMA.

I presidenti di FMI ed ANCMA ringraziano il presidente Camanzi per aver preso in considerazione la problematica e si augurano di poter discutere quanto prima gli sviluppi dell’approfondimento che verrà promosso dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti

Pagina 8 di 11

You are here: